L’eredità de’ Medici: dialogo tra gli ultimi eredi della famiglia Medici

Home/blog/L’eredità de’ Medici: dialogo tra gli ultimi eredi della famiglia Medici

L’eredità de’ Medici: dialogo tra gli ultimi eredi della famiglia Medici

TinaB-160601-0195

Prendete Firenze, culla rinascimentale per eccellenza, spostatevi un po’ più in là, in una villa a pochi chilometri dalla città, aggiungete nomi di grandi personaggi che hanno segnato la storia, mescolate bene tradizione, arte e contemporaneità e come risultato otterrete un gustosissimo spettacolo teatrale.

Noi del team di Medici Dynasty Show, ci siamo cimentati nella realizzazione di uno spettacolo ad hoc per il pubblico italiano e quindi ecco che arriva L’eredità de’ Medici, per la prima volta in lingua italiana. Sarà nella meravigliosa cornice di Artimino, antica villa medicea sulle colline carmignanesi, che assisteremo a un tuffo nel passato che ci farà rivivere 300 anni di storia di Firenze e della famiglia Medici, in un avvincente dialogo tra gli ultimi eredi della nobile dinastia fiorentina.

Rosario Campisi e Piera Dabizzi sono i protagonisti di questo ironico dialogo, in un gioco continuo di rimandi storici e impreziosito dal vernacolo fiorentino durante la performance. Saranno loro ad interpretare Gian Gastone e Anna Maria Luisa de’ Medici, gli ultimi eredi della famiglia Medici.

Villa Medicea di Artimino

Lo spettacolo teatrale

Da una parte Gian Gastone, che sa di essere l’unico discusso erede della dinastia medicea, che porta avanti quel tipico sarcasmo tutto nostrano, un umorismo pungente e irriverente. Dall’altra, sua sorella Anna Maria Luisa de’ Medici, Elettrice Palatina nonché precisa, attenta e puntigliosa sorella di Gian Gastone. Opposti che si equilibrano alla perfezione e riusciranno a giungere a una tregua in questo spettacolo coinvolgente e istruttivo, divertente e mai banale, informativo e suggestivo.

Che sia in inglese o in italiano, il nostro obiettivo è uguale: quello di raccontare Firenze attraverso gli occhi di chi ha regnato per anni e anni su un patrimonio culturale e artistico vastissimo e perciò regalarlo all’umanità, al mondo intero.

2016-09-22T13:43:01+00:00 September 22nd, 2016|